Consenso Informato

Cosa s’intende per Consenso Informato?

Per ogni trattamento medico è necessario il “consenso informato” del paziente, il quale deve essere preventivamente informato dal medico sul trattamento al quale sarà sottoposto. Secondo le parole della Corte costituzionale il “consenso informato” è espressione della consapevole adesione al trattamento sanitario proposto dal medico e si configura quale vero e proprio diritto costituzionale della persona che trova fondamento nei principi espressi nell’art. 2 13 e 32 della Costituzione i quali stabiliscono, rispettivamente, che la libertà personale è inviolabile e che nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge.

 

La responsabilità del medico può derivare anche dall’inadempimento all’obbligazione (accessoria a quella prettamente terapeutica) dinformare correttamente e compiutamente il paziente sull’intervento al quale sarà sottoposto, indicandone:

 

  • benefici e rischi;
  • possibili complicanze e alternative terapeutiche esistenti.

 

In altre parole, il medico ha il dovere d’informare il paziente sulla naturale portata ed estensione dell’intervento che andrà concretamente a realizzare, nonché sui risultati conseguibili e sui rischi d’insuccesso.
Viceversa, non assume, alcuna influenza, ai fini della sussistenza della resposabilità per violazione del consenso informato, se il trattamento sia stato eseguito correttamente o meno.
La giurisprudenza ha, infatti, chiarito, come rimanga del tutto indifferente ai fini della risarcibilità del danno da violazione del “consenso informato” in caso di peggioramento della salute successivamente all’intervento, che la verificazione di tale peggioramento sia dovuta ad un’esecuzione del trattamento errata o meno, essendo comunque risarcibile il danno conseguente alla mancanza d’informazione che costituisce, quindi, autonoma valutazione.

Questo in quanto ciò che rileva è che il paziente, a causa del deficit informativo, non sia stato messo in condizione di acconsentire al trattamento sanitario con consapevolezza.

Onere della prova (a carico del medico e del paziente).

 

Avendo la prestazione sanitaria natura contrattuale, la prova della corretta informazione e del relativo valido “consenso informato” è a carico del medico.

 

Va detto come, al fine di dimostrare la corretta e completa informazione pre-operatoria data al paziente, privo di valenza probatoria assoluta, abbia “modulo” di “consenso informato” – redatto e, fatto firmare, il più delle volte nell’imminenza dell’intervento chirurgico.
Tale prassi, meramente burocratico-formale, non può essere prova del “consenso informato” (salvo non volerlo tradurre in un mero “consenso documentato”).
Ed infatti, il modulo in questione è sovente un modulo generico, il c.d. “prestampato standard”, in cui sono riportate formule rituali sull’avvenuta trasmissione d’informazioni, valevoli in astratto per ogni intervento chirurgico, essendo del tutto generiche, senza alcun riferimento personalizzato al caso in questione, ovvero a informazioni ricevute nell’ambito di colloqui e/o richieste di delucidazioni e/o discussioni.

 

Il paziente, dal canto suo, dovrà dimostrare il collegamento causa/effetto tra la mancata informativa e il conseguente consenso a sottoporsi all’intervento, avendo la disinformazione comportato una scelta terapeutica che, altrimenti, sarebbe stata, con alta probabilità, rifiutata o modificata dal paziente stesso.

 

Infine, la mancanza di valido “consenso informato” assumerà, comunque, rilievo ai fini risarcitori per le conseguenze pregiudizievoli derivate dalla violazione del “diritto all’autodeterminazione” in sé stesso considerato, ovvero per il turbamento e la sofferenza come conseguenze del tutto inaspettate perché non prospettate e, anche per questo, più difficilmente accettate, anche nell’ipotesi in cui si dovesse ritenere (secondo un criterio di normalità razionale) che il paziente anche se fosse stato correttamente informato su rischi dell’intervento vi si sarebbe comunque sottoposto.

Ritieni di non aver ricevuto una corretta ed esaustiva informativa preparatoria ?

Richiedi Consulenza

Ti risponderemo entro 24/48h

 

Richiedi Consulenza

 Potrai avere la verifica del tuo caso e

 

1. Sapere se ci sono i presupposti per richiedere il risarcimento del danno da c.d. violazione del “consenso informato”

2. Conoscere la procedura per richiedere il risarcimento

3. Disporre di un completo supporto medico-legale

Ultime news di Diritto Sanitario

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi