Risarcimento del colpo di frusta

E’ ancora possibile il risarcimento del c.d. Colpo di frusta a seguito delle modifiche al codice delle assicurazioni introdotte con la legge 24.03.12 ?

La recente normativa è intervenuta nell’ambito dell’accertamento del danno biologico in R.C.A., occupandosi delle “lesioni di lieve entità”  e subordinandone il risarcimento a un non meglio definito “accertamento clinico strumentale obiettivo“, con l’evidente fine di escludere il risarcimento dei c.d. “colpi di frusta”.

La normativa, tecnicamente errata e contraddittoria, viene utilizzata dalle Assicurazioni come pretesto per non risarcire i danneggiati anche svolgendo inammissibili pressioni nei confronti dei medici legali affinché gli stessi si adeguino a interpretazioni degli articoli di legge in contrasto con la criteriologia medico legale e la stessa deontologia medica.

Tali errate interpretazioni, determinerebbero, infatti, un mutamento per legge della scienza medico legale limitato solo agli accertamenti medico legali da svolgersi in materia di RC auto.

La norma si manifesta costituzionalmente illegittima e in violazione dell’art. 3 della Costituzione, ancorando la risarcibilità all’accertamento della lesione e non alla sua esistenza, ovvero diversificando irragionevolmente la risarcibilità del danno costituito dal c.d. “colpo di frusta” a seconda che lo stesso sia conseguenza di un sinistro stradale ovvero di un’altra tipologia di sinistro.

Risarcimento del colpo di frusta - Studio Legale Albini Bologna

Auspicando per tali ragioni una pronuncia d’illegittimità costituzionale, nell’immediato si auspica il tempestivo intervento di ogni livello associativo della Medicina Legale affinché venga ribadita la validità della consolidata criteriologia medico legale, a tutela dei diritti dei danneggiati e degli stessi medici legali.

Si segnala intanto l’interpretazione della nuova normativa proposta dall’ISVAP secondo cui «la lettura combinata e sistematica delle due disposizioni in contestazione porta a ritenere che soltanto il “danno biologico permanente” – cioè i postumi invalidanti conseguenti alla lesione – per poter dar luogo a risarcimento debba essere stato valutato dal medico legale attraverso un “accertamento clinico strumentale obiettivo“.
Il “danno biologico temporaneo” – cioè i giorni di inabilità temporanea assoluta o relativa conseguenti all’evento lesivo – potrà invece essere accertato dal medico legale sia “visivamente che strumentalmente”.

Tale orientamento, conclude l’Ente pubblico, sarebbe ancor più avvalorato dalla considerazione che «un evento lesivo può dar luogo a un danno biologico temporaneo, ma non necessariamente a un danno biologico permanente.

In sostanza, mentre il comma 3-ter escluderebbe il risarcimento del danno biologico “permanente” nel caso in cui le lesioni non siano suscettibili di «accertamento clinico strumentale obiettivo», il comma 3-quater ammetterebbe il risarcimento (senza specificare se a titolo di danno biologico permanente o temporaneo) qualora vi sia un riscontro medico.

Recenti sentenze si sono, tuttavia, espresse nel senso di riconoscere il danno biologico permanente (oltre a quello da inabilità temporanea) anche in assenza di indagini strumentali.

 

Il Giudice di Pace di Venezia, ad esempio, con sentenza n. 769/2016 ha riconosciuto la risarcibilità del danno da c.d. “colpo di frusta” anche in assenza di radiografia e/o risonanza che evidenziasse la lesione.
Secondo il Giudice di pace, il risarcimento del danno da “colpo di frusta” deve essere riconosciuto anche a seguito di semplice diagnosi del medico. Infatti, con il colpo di frusta raramente si hanno lesioni visibili tramite radiografia e/o altra indagine strumentale le quali, per loro natura, “non riescono a rilevare le alterazioni dei tessuti paravertebrali” e ciò non può influire sul risarcimento.
Ne deriva che l’assicurazione che non risarcisce il colpo di frusta può essere denunciata all’Ivass (l’autorità di vigilanza sulle assicurazioni).

Successivamente anche la Suprema Corte di Cassazione si è pronunciata nel senso di ritenere risarcibile i c.d. danno da “colpo di fusta” anche in assenza di radiografie, ovvero di accertamento strumentale. Con la sentenza n. 18773/2016 la Cassazione si è, infatti, pronunciata stabilendo che non vi è una gerarchia d’importanza tra gli accertamenti medici legali, dunque non è indispensabile l’indagine strumentale per accertare il danno ed il medico legale è libero di valutarne la sussistenza anche secondo gli altri criteri scientifici di accertamento e valutazione tipici della medicina legale quali quello visivo e/o clinico.

La Cassazione ha ribadito il proprio orientamento anche con la recente sentenza n. 1272/2018 della III° Sezione Civile, nonchè, da ultimo con l’ordinanza 11.09.2018 n. 2206 della IV° Sezione.

Hai subito un sinistro stradale ?

Richiedi Consulenza

Ti risponderemo entro 24/48 ore

 

Richiedi Consulenza

Potrai avere la verifica del tuo caso e

 

1. Disporre di supporto medico / legale nella convalescenza
e nella c.d. Procedura d'”Indennizzo Diretto

2. Ottenere il giusto e integrale risarcimento del danno

3. Pagare le spese legali solo a risarcimento ottenuto

Ultime News di Infortunistica Stradale